Martina Pannacci

Nata ad Assisi nel 1993 comincia a studiare danza all’età di otto anni presso la Nuova Scuola di Perugia diretta da Virginia Belardi e Lorena Parretta, diplomate presso l’ Accademia Nazionale di Danza di Roma. Qui studia danza classica accademica (metodo Vaganova), tecnica punte, repertorio classico (con la maestra Daria Ermakova, diplomata presso l’Accademia Vaganova di San Pietroburgo), danza contemporanea, modern-jazz e hip-hop.

Si perfeziona grazie alla borsa di studio per i corsi estivi presso il Balletto di Toscana dove studia con Eugenio Buratti , Alessia Gatta, Arianna Benedetti, Lucia Geppi, Alessandro Bigonzetti e altri.

Nel corso degli anni approfondisce gli studi di danza classica e contemporanea frequentando numerosi seminari e workshop con maestri di fama nazionale ed internazionale.

Partecipa ai progetti F.N.A.S.D. – Fondazione Nazionale della Danza Aterballetto, con regia di Arturo Cannistrà.

Viene selezionata come solista per molteplici produzioni in territorio umbro, tra cui il progetto Giovani Danzatori Umbri – compagnia OPLAS coreografie di Luca Bruni, Paola Sorressa e Simona De Tullio e per gli spettacoli diretti dallo Studio d’Arte Sansalù.

Danza per il progetto “I cantieri dell’immaginario” per la coreografa Francesca La Cava presso L’Aquila.

Nel 2013 prosegue la sua formazione presso l’ Accademia Nazionale di Danza, dove viene ammessa al corso di laurea triennale in danza contemporanea ad indirizzo tecnico-analitico.

Qui oltre allo studio approfondito delle tecniche accademiche, si avvicina alle discipline di pilates e yoga.

All’interno dell’ AND viene selezionata per danzare coreografie di Mauro Bigonzetti, Fabrizio Monteverde, Martha Graham, Dino Verga e altri in occasione di eventi come Premio Roma, Premio Abbado, Festival di Ravello e presso GNAM (Galleria Nazionale di Arte Moderna), Auditorium de Clignancourt de l’Universitè Sorbonne a Parigi, Teatro Argentina di Roma e altri.

Nel 2015 viene selezionata dall’ AND per la borsa di studio presso la Iwanson International School of Contemporary Dance a Monaco dove studia con Jessica Iwanson, Trudie Campbell, Sonia Rodrigues, Isabella Blum e altri.

Nel 2016 presenta la propria pièce coreografica “Ripidamente rapido” in occasione della GID (Giornata Internazionale della Danza) e di RESID’AND (progetto di residenze coreografiche).

Nel 2017 vince il bando per il Progetto di Residenze Coreografiche OPLAS e nello stesso anno viene chiamata come coreografa per una propria produzione presso il Teatro Ramarini di Monterotondo in collaborazione con il musicista Giovanni Todaro.

Attualmente laureanda presso AND e inscritta al Biennio Specialistico di II livello per la formazione dei Docenti in Discipline Coreutiche.

Martina Pannacci tiene al San Lo’ il corso di Propedeutica alla Danza.